Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

Cipro: 37,5% il Prelievo Forzoso Conti Correnti sopra i € 100,000

cipro

Cipro: 37,5% il Prelievo Forzoso Conti Correnti sopra i € 100,000

La Bank of Cyprus ha stabilito un prelievo forzoso del 37,5% sui depositi oltre i 100,00 €. Il governo di Nicosia ha annunciato qualche giorno fa il Prelievo Forzoso sui conti correnti solo come una della misure di salvataggio dell’isola, imposte dalla Comunità Europea, che verranno presentate il 04 aprile all’Eurogruppo per l’approvazione e la conseguente erogazione di aiuti da parte della BCE. Il pacchetto studiato dal governo di Nicosia, sembra prevederà pesanti tagli a retribuzione dei dipendenti pubblici e pensioni, oltre ad una massiccia privatizzazione. Nonostante il governo di Cipro abbia annunciato che la situazione è sotto controllo, il prelievo di denaro contante è stato fissato ad un massimo di € 300,00 al giorno, mentre i trasferimenti di denaro all'estero sono stati limitati a € 5.000,00 al mese: questo per evitare la massiccia fuga di capitali dall’Isola. Una misura di prelievo forzoso così massiccia non ha precedenti e dovrebbe far riflettere sulle eventuali “cure” che l’Europa potrebbe imporre a Paesi come Italia, Spagna, Irlanda, Grecia e Portogallo come condizione per ricevere aiuti dal cosiddetto fondo salvastati. Mai come oggi il trasferimento di denaro all’estero, operazione legale e legittima, rappresenta una valida forma di tutela patrimoniale; Associated Law Advisors LTD può fornirti una consulenza qualificata per indicarti le migliori soluzioni per aprire un conto corrrente estero. Contattaci o scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share

Ripresa economica? No! Cipro è solo l'inizio

Crack finanziario

Ripresa economica? no! Cipro è solo l’inizio: impara a difenderti.

Al di là di statistiche e dichiarazioni che i leader e gli esperti di economia continuano a fare, ormai da anni, non si vedono riprese economiche o miglioramenti delle economie dei paesi dell’UE che anzi stanno andando sempre più verso un punto di non ritorno. Questa crisi colpirà soprattutto i cittadi ed i piccoli risparmatori, nelle loro finanze e nei loro conti correnti.

I paesi mediterranei dell’Unione Europea sono i più colpiti, e Cipro, con il prelievo forzoso sui suoi conti correnti è solo l’inizio. Presto infatti anche paesi come Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Francia, Slovenia, ma anche l'Irlanda, faranno la stessa fine e subiranno un prelievo sui conti correnti dei risparmiatori, se non vi sarà un cambiamento di rotta…che però non si vede all’orizzonte. Ciò  è dovuto al fatto che le istituzioni finanziarie dell'Unione Europea fanno di tutto per scaricare i sacrifici dell’Euro sui paesi sopracitati, imponendo a questi ultimi un contenimento della spesa pubblica (in Italia poco adottato, almeno fino ad oggi) o aumenti della pressione fiscale (in Italia ad esempio IMU, contributi di solidarietà, riduzione dei costi deducibili ecc..) fino a che si arriverà anche al prelievo forzoso su conti bancari e, perché no, su titoli e risparmi amministrati in Italia  e negli altri paesi mediterranei. Per questo motivo è meglio non farsi cogliere impreparati e predisporre adeguati strumenti giuridici per tutelarsi.

Associated Law Advisors ltd, ed i suoi professionisti, esperti nella costituzione e gestione di società estere o conti correnti esteri, vuole offrire ad imprenditori e risparmiatori che desiderino tutelare il proprio patrimonio, adeguate e lecite soluzioni per fare in modo che la crisi creata dalla congiuntura non ricada sui risparmi di chi ha sempre lavorato duramente ed onestamente.

La soluzione a ciò detto pocanzi è la costituzione di una società estera (in particolare una LTD inglese) o l'apertura di un conto corrente estero (inglese, austriaco, sheyshelliano o di altra giurisdizione) dove trasferire i propri danari perfettamente alla luce del sole ed in armonia con la fiscalità e la legge del proprio paese.

Se si intende costituire una LTD probabilmente il paese migliore può essere reputato  l’Inghilterra,e d in particolare Londra ,che è la prima piazza finanziaria del mondo ,caratterizzata da una stabilità politica consolidata negli anni e che difficilmente potrà modificarsi in un futuro prossimo. La stabilità di questo paese (ma anche di altri stati, come la Svezia o la Norvegia) è dovuta a molti fattori, i più importanti dei quali sono, sicuramente, la sterlina (per l'UK), moneta indipendente dall’euro e il sistema giuridico del common Law che si basa anche sul fondamentale principio della tutela della privacy e sul rispetto della proprietà privata, concetti che in paesi come l'Italia,  ormai non esistono più!

Tutela i tuoi risparmi ora, contattaci o scrivi una mail a info@associatedlawadvisors.co.uk 

Share

patrimoniale conti correnti cipro

Patrimoniale Conti Correnti

CIPRO: ACCORDO SULLA PATRIMONIALE CONTI CORRENTI

JP MORGAN: SCAPPATE DALL'ITALIA SUBITO

L’accordo sulla patrimoniale conti correnti imposta dall’Unione Europea a Cipro sembra ormai certa; interesserà i depositi sopra i € 100,000 e gli azionisti ed obbligazionisti delle banche dell’isola con un prelievo forzoso che potrebbe arrivare fino al 40% o, ancor peggio, una svalutazione del 100% dei depositi. L’ira della Russia nella persona del presidente Dimitri Medvedev è manifesta nella sue dichiarazioni in merito al prelievo forzoso sui conti cipriotiun continuare a saccheggiare il bottino”: la Russia, infatti, ha depositi per circa 20 miliardi di Euro nell’Isola e minaccia di convertire le sue riserve in un’altra valuta.

La patrimoniale sotto forma di prelievo forzoso dei conti correnti potrebbe essere la nuova cura dimagrante della Troika da imporre ai paesi P.I.G.S., ovvero Portogallo Italia Grecia e Spagna; un’importante esponenente di Commerzbank, seconda banca tedesca, ha già ipotizzato una patrimoniale sotto forma di prelievo forzoso dai conti correnti italiani del 15%.

A rincarare la dose di sfiducia che aleggia nei confronti dell’Eurozona il monito di JP Morgan dei giorni scorsi: "Unsecured Depositors Of The World, Unite... And Get The Hell Out Of These Countries" - depositanti non assicurati di tutto il mondo, unitevi...e scappate subito da questi paesi", e i paesi di riferimento sono quelli citati compresa naturalmente l’Italia che detiene la quota più alta di depositi privati nelle proprie banche.

Nonostante i politici tentino di rasserenare il clima dichiarando che il caso Cipro rimarrà isolato, il timore di una patrimoniale molto pesante per i Paesi dell’Eurozona più deboli, Italia compresa, rimane attuale, come dimostrano le dichiarazioni provenienti da importanti banche tedesche e americane.

Il trasferimento di denaro in conti correnti esteri è perfettamente legale e legittimo e non viola nessuna legge quando opportunamente dichiarato. Associated Law Advisors può offrirti moltissime soluzioni per proteggere e tutelare i tuoi risparmi.

Contattaci Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share

patrimoniale conti correnti italia

Patrimoniale Conti Correnti

CIPRO: ACCORDO SULLA PATRIMONIALE CONTI CORRENTI

JP MORGAN: SCAPPATE DALL'ITALIA SUBITO

L’accordo sulla patrimoniale conti correnti imposta dall’Unione Europea a Cipro sembra ormai certa; interesserà i depositi sopra i € 100,000 e gli azionisti ed obbligazionisti delle banche dell’isola con un prelievo forzoso che potrebbe arrivare fino al 40% o, ancor peggio, una svalutazione del 100% dei depositi. L’ira della Russia nella persona del presidente Dimitri Medvedev è manifesta nella sue dichiarazioni in merito al prelievo forzoso sui conti ciprioti “un continuare a saccheggiare il bottino”: la Russia, infatti, ha depositi per circa 20 miliardi di Euro nell’Isola e minaccia di convertire le sue riserve in un’altra valuta.

La patrimoniale sotto forma di prelievo forzoso dei conti correnti potrebbe essere la nuova cura dimagrante della Troika da imporre ai paesi P.I.G.S., ovvero Portogallo Italia Grecia e Spagna; un’importante esponenente di Commerzbank, seconda banca tedesca, ha già ipotizzato una patrimoniale sotto forma di prelievo forzoso dai conti correnti italiani del 15%.

A rincarare la dose di sfiducia che aleggia nei confronti dell’Eurozona il monito di JP Morgan dei giorni scorsi: "Unsecured Depositors Of The World, Unite... And Get The Hell Out Of These Countries" - depositanti non assicurati di tutto il mondo, unitevi...e scappate subito da questi paesi", e i paesi di riferimento sono quelli citati compresa naturalmente l’Italia che detiene la quota più alta di depositi privati nelle proprie banche.

Nonostante i politici tentino di rasserenare il clima dichiarando che il caso Cipro rimarrà isolato, il timore di una patrimoniale molto pesante per i Paesi dell’Eurozona più deboli, Italia compresa, rimane attuale, come dimostrano le dichiarazioni provenienti da importanti banche tedesche e americane.

Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share

Cipro: il prelievo forzoso dai Conti Correnti spaventa anche l’Italia

Troika

Come abbiamo già scritto in un precedente articolo cresce la preoccupazione dei Paesi dell’Eurozona più deboli in merito alla decisione dell’Unione Europea di concedere aiuti a Cipro a fronte di un prelievo forzoso dai conti correnti che arriva fino al 10% delle somme depositate. Si tratta di un avvenimento unico: se l’indignazione fu tanta per il prelievo forzoso fatto nel 1992 dal Governo Amato in misura del 0.6 per cento, quale termine per definire un prelievo forzoso del 10 per cento? Semplicemente scioccante!

Se questa è la ricetta Europea per risolvere il problema del debito dei paesi dell’Eurozona più fragili, tra cui Italia, Spagna e Grecia, i correntisti sono avvisati; a questo punto è bene valutare se tenere i patrimoni all’interno dell’Eurozona oppure trasfeririLi in conti esteri all’interno di paesi più solidi e non sotto il controllo della Troika.

Sulla carta il paese ideale per attuare queste misure sarebbe l’Italia, visto che il patrimonio dei cittadini italiani rappresenta il 174% del PIL contro, ad esempio, il 124% della Germania. Non a caso un responsabile economico di Commerzbank, seconda banca tedesca, ha proposto recentemente sulle pagine dell’Handelsblatt un prelievo forzoso dai conti correnti italiani del 15% per ridurre il debito pubblico sotto la soglia del 100%. Molto semplice quindi: per salvare l’Euro facciamo un prelievo forzoso, ovvero andiamo a prendere direttamente il 15% dei risparmi di privati cittadini italiani e il problema è risolto. Aggiunge poi Jorg Kramer di Commerzbank che sarebbe opportuna una tassa una tantum su depositi e titoli, quindi una nuova patrimoniale.

Associated Law Advisors offre soluzioni per apertura conti esteri e trasferimento denaro all’estero.

Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share