Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

La fine delle società Off-Shore?

Le giurisdizioni Off-Shore non hanno più senso? Costituire una società estera in un Paese Off-Shore è diventato impossibile?
No, cari lettori! Anche se molti lo stanno ripetendo fino alla nausea il mondo off-Shore non è finito, non ancora per il momento, e sicuramente nei prossimi mesi non avverranno quei cambiamenti radicali che ormai sentiamo da tempo promettere a livello internazionale.

Una cosa è certa però: un'era è già cambiata, e molti non se ne sono accorti. Gli anni 80 e 90 sono un ricordo sbiadito di un'operatività societaria che era semplice e poco regolamentata; bastava infatti affidarsi a società efficienti del settore corporate per poter aprire una società all'estero magari in una giurisdizione off-shore, godendo dell'assoluto anonimato, in poche ore e senza troppa burocrazia. Si presentava il proprio passaporto, si sceglieva il nome della società e bastavano 10 minuti in qualsiasi banca per poter aprire un conto corrente ed essere operativi. Eppure internet non esisteva o quasi, i telefonini erano agli albori, ma bastava un fax e in pochi giorni si diventava operativi.
I tempi però sono profondamente cambiati in pochi anni!
Oggi solo per completare la due diligence raccomandata, o meglio imposta dall'OECD, non bastano giorni a volte: e allora qualche cliente esordisce chiedendo se è una bolletta energetica che attesti la Sua residenza il requisito che garantisca la sua credibilità! Evidentemente no, ma tutti i documenti richiesti sono indispensabili per poter identificare il cliente quando questo decide di aprire una LTD o Costituire una società Off-Shore oppure On-shore. Tutto questo in nome della battaglia per sconfiggere questo nemico chiamato Antiriciclaggio, uno spettro del quale tutti hanno paura, timore, ma pochi, o quasi nessuno, sa poi indentifcarne la vera natura. Ormai può ricadere nelle operazioni cosiddette sospette una qualsiasi transazione bancaria, ancorchè lecita e legale, quando non siano state fornite le corrette informazioni all'Istituto Bancario sulla base dei diktat dell'OECD e delle autorità finanziarie preposte, tra le quali, per l'appunto, l'identificazione delle persone fisiche coinvolte nell'operazione.
Ma allora le banche non vogliono più clienti, non hanno più bisogno di lavorare, ci si chiede?
A volte si ha l'impressione che sia proprio così, che una banca preferisca non aprire conti correnti piuttosto che rischiare di avere grane con le proprie autorità finanziarie e di controllo del proprio Paese: e non parliamo ovviamente di transazioni o società che trattano proventi di attività criminale o mafiosa, che non sono, evidentemente ma lo precisiamo se ce ne fosse bisogno, oggetto di questo articolo e di nessuna attività della scrivente, quanto ad una "stretta" del mondo bancario all'apertura di conti correnti bancari a società estere con soggetti non identificabili, come spesso accade con società off-shore aperte alle Seychelles, in Belize o a Panama, o addirittura a società LTD costituite nel Regno Unito e amministrate o possedute da soggetti non residenti come sta avvenendo negli ultimi tempi in Regno Unito.
Questa contrattura non riguarda le nuove aperture ma purtroppo anche le società esistenti. e' noto da tempo agli operatori che si occupano di Corporate la situazione in cui si sono trovati molti imprenditori proprietari di società Off-Shore con conto corrente in Svizzera, ad esempio: neglio anni 80 e 90 la Svizzera era la meta preferita dei possessori europei di società off-shore che si recavano in qualche cantone e potevano aprire liberamente il proprio conto corrente pressoché anonimo. La musica è cambiata! Oggi si trovano nella migliore delle ipotesi con la banca che richiede la documentazione dei reali beneficiari attestante la loro residenza, nonchè le dichiarazioni dei reddti per accertare che i proventi che sono transitati sui conti siano stati regolarmente denunciati al fisco. Molti residenti italiani si sono visti richiedere copia della compilazione del Quadro RW trasmessa da un intermediario, pena il blocco del conto e la sua successiva chiusura!
Per questo continuiamo a ribadire che è finito non solo un modo di intendere il "business estero", ma anche il mondo del "fai da te" e dell'improvvisazione, come quello di alcuni consulenti d'assalto che costruiscono sofisticati sistemi di ingegneria fiscale per abbassare la tassazione e poi espongono i propri clienti a rischi civili e penali, oltre a possibili recuperi di imposta, assai frequenti, anche doppi o tripli rispetto al risparmio fiscale, a questo punto presunto, garantito dall'operazione. E allora disciplina del Transfer Pricing, valorizzazione delle Royalties, dichiarazione nel quadro RW, IVIE, IVAFE (per restare in Italia) sono solamente invenzioni, non vi preoccupate non accerterà niente nessuno! Perchè dichiarare di avere disponibiltà all'estero, chi lo verrà mai a scoprire...portiamo in detrazioni royalties per il 90% del fatturato, è totalmente legale!
Ma siamo seri.
Il mondo è cambiato e richiede nuove strategie, più accorte e sostenibili ed anche più costose.
Alla fine dei conti il problema è sempre il conto, quello bancario.
Una società estera che non possieda un conto corrente bancario non può operare, e come avere un'automobile senza il motore! Come detto le banche estere richiedono sempre maggiori documentazioni per aprire il conto corrente ed è necessario quindi affidarsi a professionisti seri in grado di presentare il cliente in banca e fornire da subito la corretta documentazione utile all'apertura del conto corrente bancario. Troppo spesso negli ultimi tempi riceviamo mail e telefonate di clienti che aprono la LTD su internet affidandosi ad uno dei tanti siti che offrono la costituzione della Limited Uk a poche centinaia di sterline, forniscono un certificato di costituzione e poi... e poi spariscono!
Basta andare su google digitare "aprire una ltd UK" oppure "Costituzione di società LTD nel Regno Unito" oppure "apri la tua Limited a Londra" e come per magia appaiono decine di siti con prezzi a partire da 100 Sterline. Ma allora se volete un vero "fai da te" andate sul sito della Companies House e con poche decine di sterline il gioco è fatto: otterrete come souvenir del vostro viaggio virtuale nel territorio di Sua Maestà un bel Certificate of Incorporation, sempre utile come oggetto di arredamento da incorniciare e appendere alle pareti del salotto, oppure come sottobicchiere o tovaglietta per la colazione, scegliete Voi. Tanto in UK se la società è inadempiente in merito ai doveri pubblicitari e dichiarativi viene cancellata molto presto d'ufficio, al limite arriverà una multa di qualche migliaio di sterline in capo all'amministratore, d'altra parte il fascino inglese ha il suo prezzo.
Vogliamo essere chiari e ribadire la nostra figura di consulenti e non di venditori di certificati di incorporazione, la formula "la tua LTD a 100 Sterline e puoi lavorare in tutto il mondo a zero tassazione" sinceramente non ci interessa; i nostri costi sono ben più elevati perchè non intendiamo vendere un prodotto, quanto fornire uno strumento totalmente operativo e funzionale al business del cliente. Se credete provate la strada del fai da te, ma vi garantiamo che senza un consulente preparato difficilmente riuscirete ad essere operativi realmente. Conosciamo perfettamente a questo punto la Vostra domanda: e come faccio a sapere che Associated Law Advisors ltd. non sia un ennesimo venditore di società?
Molto semplice, per 3 motivi essenziali:
1. Associated Law Advisors non fornisce pacchetti di incorporazione di Società Estere, cercando di accaparrare la clientela con siti scintillanti e pieni di false notizie che descrivono l'estero come il Paese dei Balocchi, dove si può fare tutto senza pagare tasse!
2 Associated Law Advisors non tratta direttamente con clienti che non siano inglesi, ma opera attraverso i propri professionisti fiduciari radicati nei territori ove risiede il cliente ed iscritti a regolari e comprovati albi professionali
3 Associated Law Advisors opera sulla base di un mandato che il cliente rilascia ad un Avvocato o Dottore Commercialista regolarmente iscritto ad un albo professionale a totale garanzia di adempienza e trasperenza dei compensi.
Non possiamo garantire che la Vostra attività avrà successo, ma possiamo garantirVi tutti gli strumenti legali per poter operare con efficienza e serenità.

Share